Apple Store – L’irresistibile voglia di visitarli

Ottobre 25, 2018 by 1 commento

Quanto gioca l’architettura di costruzione, l’utilizzo dei materiali, l’ossessiva attenzione ai particolari, nello spingere un cliente ad entrare in uno store di tecnologia?

La risposta è tantissimo. Così Apple ha deciso di disseminare il globo di negozi che seguono una linea precisa, quasi una filosofia, facendo leva, per coinvolgere i clienti, certamente sui suoi prodotti di fascia alta, ma soprattuto stravolgendo il concetto di negozio per come lo conosciamo, trasformandolo in un mausoleo della tecnologia, dove è possibile vedere, toccare, utilizzare i “tesori” prodotti dal brand di Cupertino.

Ne è un esempio recente il nuovo store di Milano, situato in piazza Liberty, concepito da Norman Foster, che sapientemente ha mixato materiali con elementi naturali come l’acqua, creando un negozio/opera d’arte che ha riqualificato una piazza anonima, facendola diventare un centro di aggregazione di giovani e meno giovani, più o meno devoti alla religione della mela.

Il personale che lavora all’interno è suddiviso in tre categorie precise:

  • Specialist – Risponde alle domande riguardo ai prodotti della Apple e agli accessori di terze parti. Gli specialisti gestiscono le vendite dei prodotti e descrivono le promozioni e i servizi dello Store. Gli specialisti portano con sé un iPod touch utilizzato per effettuare i pagamenti dei clienti.
  • Genius – Il Genius fornisce assistenza tecnica sui prodotti Apple ed esegue le riparazioni o le eventuali sostituzioni del prodotto. I clienti possono prendere un appuntamento (anche tramite il sito della Apple) per chiedere l’assistenza di un genius al Genius Bar se si riscontrano problemi con un Mac, iPod, iPhone o un accessorio Apple.
  • Creative – Gestisce i corsi di formazione su diversi argomenti per i clienti One-to-One. I creativi aiutano gli utenti con i loro Mac, contribuendo alla creazione di vari progetti (album di foto, filmati, musica). La maggior parte dei Creativi sono anche certificati da Apple per istruire i clienti sulle applicazioni più complesse di Apple.

Proprio questa suddivisione dei compiti e delle competenze permette una gestione personalizzata del cliente e un’attenzione particolare alle sue esigenze.

Mi è capitato diverse volte, di dover cercare un luogo attrezzato per lavorare, durante una trasferta di lavoro e chiedere ospitalità in un Apple Store. Qui si può trovare un tavolo dove fare smartworking, una connessione wifi, prese di ricarica per il computer e lo smartphone. Nessuno ti caccia, nessuno ti guarda storto. Sei semplicemente uno dei tanti nomadi digitali che hanno trovato rifugio in casa Apple.

One Reply to “Apple Store – L’irresistibile voglia di visitarli”

  1. Stefania Piumarta ha detto:

    Vero. Avere un prodotto Apple è far parte di una comunità e i loro store ti fanno sentire a casa.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *