Menu Chiudi

Per capire i ragazzi bisogna immergersi nel loro mondo

milan games week

Milano settembre 2019

Quando leggo qualche articolo che parla di rapporto tra adulti – genitori, educatori, insegnanti – e ragazzi, e di come riuscire ad innescare un dialogo, dosare al meglio rigore e accondiscendenza, entrare in sintonia con il mondo dei giovani, mi chiedo se chi scrive sia mai stato ad un evento come la Milan Games Week.

All’arrivo davanti alla fiera un nuvolo di ragazzi di età diverse, presumibilmente dai 10 anni, accompagnati da un genitore, a ben oltre i 20, tutti a seguire una rigorosa fila, chiacchierando, quasi sottovoce, senza spingersi, nel rispetto dei propri compagni di attesa.

Il clima che si respira è di festa, e la presenza di tanti cosplayer, vestiti e truccati da personaggi dei principali manga e anime, aiuta ad immergersi totalmente in un mondo fatto da passione per i giochi, youtuber famosi ed osannati più delle rock star, ma soprattutto ragazzi che assieme hanno voglia di divertirsi, giocare, rincorrere i loro beniamini per un selfie o un autografo, con un educazione ed un rispetto veso gli altri che dovrebbe essere portato come esempio per tanti adulti che invece purtroppo il rispetto non sanno dove sta di casa.

Finita la giornata mi sento adrenalinico, pur non essendo più giovanissmo, ma soprattutto pervaso da una sensazione di fiducia per il futuro.

Chi scrive che le nuove generazioni sono allo sbando, che il mondo del gaming rovina le menti, dovrebbe, forse, mollare la penna e passare una giornata in posti come la Milan Games Week. Poi possiamo parlarne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *